Pagina Personale Docente

Teologia dogmatica 3: La creazione del mondo. Gli angeli

Docenti
  Attilio CARPIN
Istituto / Ciclo
Ciclo Istituzionale di Baccalaureato in Teologia (Teologia (Baccalaureato triennale))
Anno accademico
2020/2021
Codice
BT20a03
Anno di corso
1° Anno
Semestre
2
ECTS
3.0
Ore
24
Lingua in cui viene erogato il corso
Italiano
Modalità di erogazione del corso
Convenzionale
Tipologia di insegnamento
OBBLIGATORIO
Tipologia d'esame / Metodo di valutazione
Prova Orale
SCHEDA PUBBLICATA
Programma

Il corso si propone di illustrare la teologia della creazione attraverso i fondamenti biblici dell’Antico e del Nuovo Testamento, le testimonianze della tradizione patristica e della riflessione medievale, gli insegnamenti del Magistero della Chiesa e gli apporti della teologia contemporanea.

Ci si soffermerà sull’analisi dell’atto creatore di Dio: nozione di creazione, creazione attiva e passiva, oggetto della creazione, la creazione come atto trinitario. Si esaminerà la libertà dell’atto creatore di Dio, la sua eternità e il suo rapporto con la temporalità del mondo (evoluzionismo e creazione), la finalità della creazione, nonché la conservazione e il governo del mondo.

Infine si affronterà il tema degli angeli: esistenza, origine, natura e funzione degli angeli; la caduta e la riprovazione eterna degli angeli cattivi (i demoni nella rivelazione biblica e nella riflessione teologica, l’attività degli angeli cattivi).

 

Obiettivo
Avvertenze
Bibliografia

Dispense del Docente al termine del corso.
BARTMANN B., Teologia dogmatica (traduzione italiana a cura di Natale Bussi), vol. 1. Edizioni Paoline, Alba 1958, pp. 389-453.
SCHÖNBORN C., Caso o disegno? Evoluzione e creazione secondo una fede ragionevole, Edizioni Studio Do,enicano, Bologna 2007, pp. 176.
CARPIN A., Angeli e demòni nella sintesi patristica di Isidoro di Siviglia, in “Claustrum” 23, Edizioni Studio Domenicano, Bologna 2004 e in “Sacra Doctrina” 2 (2004) 3-127.

Programma
  • Descrizione del corso
  • Contenuti del corso
Obiettivo
  • Obiettivi del corso e risultati di apprendimento attesi.
Avvertenze
  • Metodologie didattiche e attività di apprendimento previste
  • Prerequisiti
  • Calendario o programma del corso (scadenze previste)
  • Criteri disciplinari condivisi (presenza, puntualità, correttezza, ecc.)
  • Metodi e criteri di accertamento del profitto (distribuzione dei parametri di valutazione)
Bibliografia
  • Letture richieste e consigliate.